4239 visitatori in 24 ore
 233 visitatori online adesso





Stampa il tuo libro

Paolo Gugnoni

Pagu

Ciao a tutti,
in due parole sono una persona che ama la sincerità, mi piace leggere, scrivere, il Karate e amo osservare il mondo.
Se volete mi trovate in Facebook... Paolo Gugnoni diventerà vostro amico.
Grazie a voi per l'attenzione.

Paolo. ... (continua)


La sua poesia preferita:
Sognando il Bagdad Café
Dei sogni erano i tempi dei passi svelti,
tanti i pensieri per far crescere gli anni,

aspirazioni, mete lontane, territori inesplorati,
con la valigia pronta per cercare il Bagdad Café.

E speravamo di lasciare quei deserti di solitudine,...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Il calice e l’astrazione
No,
ho altre destinazioni, non è meta l’astrazione,
fin troppo grande il disegno or m’appare,
parte non sarò di quel che sentir m’è vago.

Brindo alle intemperie,
ai miraggi delle letture, le altrui conoscenze,
dentro prigioni di desideri e...  leggi...

Nel principio cosmico dell'Alleluia
Ammiravo nel mezzo dell'attimo l'ideal vita,
intime carezze, lucente oro al mondo,
timida profusione di aromi dolci miei sospiri
nel vivere tuo privato lontano mille idee
toccato d'ingorda fame che dall'amore nasce.

Triste fu quel vuoto...  leggi...

Variabili altitudini
Immergerò questo corpo in abbandono
nelle alte fiamme dell'introvabile salvezza,
via dai vincoli di un'indicibile afflizione
perché è vivere l'assurda penitenza.

Spargerò le ceneri sulla terra affranta,
sarà...  leggi...

Chi dei limiti è ignaro e beato
Negli istanti del tempo desio
voli l'anima e appaghi la vista
chi dei limiti è ignaro e beato
nel passo del più aperto pensare.

Sia la vita l'ambizioso progetto,
vicoli accesi d'ardente passione
egual visione di non finta...  leggi...

Prati innocenti
Sui giovani prati innocenti
distendi la carne segnata,
troppo il dolore sofferto,
grido di una madre lontana.

Reo ti hanno reso d'irreale delitto,
l'astratta colpa di essere nato,
uomo senza parola o scelta
accusato di false idee e...  leggi...

Figurazioni geometriche dell'amore
Nei mille pindarici voli
della mia fantasia sterile
altro non so trovare
che pace nel tuo respiro.

Io che...
scivolo su questa linea
priva di amorose curve,
cerchio di sopite emozioni
in angoli di luce riflessa.

Ma...
al vertice della...  leggi...

Giglio
Lacerata sul volto
da un sorriso oscurato,
una parola ingoiata,
un affetto spezzato.

Ti stracci le vesti
per non...  leggi...

Statua
In una crepa nera
hai deposto la tua vita.

Tu, bellissima statua,
immobile e severo
osservi il nostro mondo.

Non usi...  leggi...

Pagu

Pagu
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Sognando il Bagdad Café (06/12/2016)

La prima poesia pubblicata:
 
Chiaro di Luna (16/08/2013)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Rubo l’istante (16/01/2018)

Pagu vi propone:
 Giglio (17/04/2014)
 Prati innocenti (26/01/2015)
 Figurazioni geometriche dell'amore (24/01/2015)

La poesia più letta:
 
Chiaro di Luna (16/08/2013, 2869 letture)

Pagu ha 8 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Pagu!

Leggi i segnalibri pubblici di Pagu

Leggi i 4005 commenti di Pagu


Leggi i racconti di Pagu

Le raccolte di poesie di Pagu

Pagu su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 13/08/2017
 il giorno 06/08/2016
 il giorno 26/10/2015

Autore della settimana
 settimana dal 11/04/2016 al 17/04/2016.
 settimana dal 16/03/2015 al 22/03/2015.

Pagu
ti consiglia questi autori:
 Rosita Bottigliero
 Sara Acireale
Paola Riccio
 Willy Zini
 Angela Schembri

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Pagu? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Pagu in rete:
Invia un messaggio privato a Pagu.


Pagu pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com



L'ebook del giorno

Giacinta

Giacinta è figlia di Paolo e Teresa Marulli. Cresciuta nell'abbandono più totale da parte della famiglia, nella prima (leggi...)
€ 0,99


Pagu

Sognando il Bagdad Café

Festività
Dei sogni erano i tempi dei passi svelti,
tanti i pensieri per far crescere gli anni,

aspirazioni, mete lontane, territori inesplorati,
con la valigia pronta per cercare il Bagdad Café.

E speravamo di lasciare quei deserti di solitudine,
l'immensità di Brenda e di Jasmin per la vita e anche oltre,

via dai pregiudizi, dalle frasi fatte, ridendo delle convenzioni,
mangiando la giovinezza, senza furbizia e senza idee d'amore.

Fino a quella tua frase: "Sai... io non son normale",
tempesta in una stanza, vetri che esplodevano al grido di libertà.

Promisi lo stesso affetto ai tuoi riccioli corvini, alle morbide gonne lunghe,
alla meraviglia degli incontri quando si montavano storie nel sottosuolo.

A tutto si rinuncia per un sentimento universale, faceva ridere l'amore
ma non il contatto delle menti, la condivisione, le univoche vedute.

Non si cercava nulla, ma le pareti limitavano lo sguardo
per chi non s'accontenta e vuol costruir castelli sopra nuvole di emozioni.

La valigia era pronta e il Bagdad Café assai lontano,
tante le promesse, ma i cancelli si chiudono quando il buio arriva.

"Sai... io non son normale" ma chi lo è in questo mondo obliquo,
tanto uguali eravamo, tanto diversi ora, meglio o peggio chi lo sa,

tutto questo fa parte di quelle cose strane che portan il nome di "Ideali".


Pagu 06/12/2016 08:02| 11| 1499 405


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Maria Luisa Bandiera - carla composto - Paola Riccio - Anna Di Principe - Sara Acireale - Marinella Fois - Rosita Bottigliero - Alberto De Matteis
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«"Per chi non s'accontenta e vuol costruir castelli sopra nuvole di emozioni"
Pagu
»


I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«Sentirsi diversi con gli ideali in tasca a volte reca a se stesso solitudine e paura ...il volto oscura il tempo... sono bei versi i tuoi, anima pura.»
Club ScrivereRosita Bottigliero (12/12/2016) Modifica questo commento

«Tanti, quanti sogni quando si è giovani! Sperare di evadere dalla solitudine e dai pregiudizi, sai... io non sono normale, e si continua a fare castelli in aria, e la valigia sempre pronta per raggiungere il sogno Dagdad Cafè. Un bel verseggiare!»
Club ScrivereMarinella Fois (08/12/2016) Modifica questo commento

«come sempre un testo pieno di immagini che emozionano e che provocano sensazioni intense. Si ritorna piacevolmente indietro a tempi che la spensieratezza deteneva, una lirica davvero di grande impatto»
Merlino (07/12/2016) Modifica questo commento

«Leggendo questa bella poesia, anch'io sono ritornata indietro nel tempo, quando si condividevano ideali e aspirazioni con altri ragazzi. Si cercava la libertà, si aspirava a qualcosa di superiore e si voleva "cambiare il mondo"...
""Sai... io non son normale" sembra qualcosa di inverosimile ma un po' "anormali" lo siamo stati tutti. Poi è arrivata la delusione, gli ideali non ci sembravano più tali, le strade si sono divise...
Il Bagdad Café è diventato un luogo lontano e gli ideali sono scomparsi.»
Club ScrivereSara Acireale (06/12/2016) Modifica questo commento

«Una poesia accattivante... che parla di viaggi dell'anima... con la volontà di mai fermarsi e trovar così il punto di approdo finale... e di ideali che tanto bistrattati dal consumismo più contorto e dal piatto vivere assumono ancora più importanza... se ci si relaziona al deserto di idee che ci circonda.»
Club Scriverezani carlo (06/12/2016) Modifica questo commento

«Ed è emozione questa bellissima, intensa profonda poesia
dove il contenuto si riversa in quell'interiorità specifica colma di ideali condivisi!
Una poesia che affascina per lo stile, ma soprattutto nella freschezza di idee
propria dei giovani, in quel tempo in cui ogni valore si fa universale
senza limite alcuno!
Letta e riletta più volte, come ad imprimere il bisogno impellente di quella forza
che ci rendeva " uguali"!
Il mio elogio totale!»
Patrizia Ensoli (06/12/2016) Modifica questo commento

«Condividere emozioni, sogni e ideali è quanto di meglio possa dare ristoro e libertà ad anime che vanno oltre l'ordinaria materialità del vivere Quel "Bagdad Café " è una significativa metafora per chi vola alto e alimenta empatia ed affinità elettive ...Straordinaria poesia, il cui contenuto attraversa molti di noi... versatile e capace il Poeta a versificare con uno stile accattivante e con forte impatto emozionale tematiche sui quei valori propri delle persone sensibili. Il mio elogio e stima!»
Club ScrivereAnna Di Principe (06/12/2016) Modifica questo commento

«Emozioni sempre verseggiate con la sincerità e la profondità di pensiero che contraddistingue l'autore... gli ideali da condividere con chi ha i nostri stessi pensieri non è facile... accontentarsi è come spegnersi e costruire castelli sopra nuvole di emozioni è necessario... mente libera e sensibile quella del Poeta sempre bravo a coinvolgere il lettore... versi scorrevoli»
Club ScrivereGiacomo Scimonelli (06/12/2016) Modifica questo commento

«Un non cercare nulla se non la condivisione delle menti, gli ideali comuni e il ritrovare in qualcun altro gli stessi pensieri... costruire castelli di idee ed emozioni. Versi profondi e intensi. Emozionante»
Club ScrivereRosanna Peruzzi (06/12/2016) Modifica questo commento

«Una nuova presentazione delle emozioni, dei sogni e degli ideali. Quel Bagdad Café in effetti ha toccato un po' tutti noi ed ancora oggi, per motivi diversi, si desidera quel senso di spregiudicatezza forse perché anche ad età matura provi la sensazione di tornare sempre indietro purtroppo per le disillusioni della vita ed allora il volo... la passione di uno spirito libero che poi libero non è mai in quanto vincolato e zavorrato dal dovere di vivere e sopravvivere. Questo mi ha fatto pensare questa bellissima opera fra lo schietto diretto ed evocativo verso.»
Club ScrivereLuciano Capaldo (06/12/2016) Modifica questo commento

«per chi vuol volare con il pensiero con l'immaginazione per chi vuol costruire dal nulla credendo in ciò che crea... per chi vuol fare voli pindarici e non fermarsi mai ...emozionante lirica bellla ed apprezzata elogio e stima al valete poeta»
Club Scriverecarla composto (06/12/2016) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Festività
L’imprecisione del concreto
Forse era fuoco
Quel che nome non ha
Un giorno perfetto
Noi
La forma delle emozioni
Idiosincrasia dei pensieri
Di sangue e di sudore
L'assurda ipotesi di una certa felicità
La ripetizione dell'attimo
Istinto animale - Bràhmana
Equidistanze dei pensieri - Sunyata
Esychia
L'obbligato rito della penitenza
Impermanente
Satori
Astuzia dell'anima
La prigionia del reale
Sirene e sortilegi
Ancora una volta, ancora
La vita muta
La nuova preghiera
Nei mille respiri
La certezza del mai
Tutte le vie del mondo
No, non sono tuo fratello
Melodiosa sinfonia del tempo
Le Grand Hotel Sea - Gull Magique
Cancellata dal mondo
Sarà il tuo bene a unire
Alterni giorni di felicità
Nelle disarmonie del vivere
Sognando il Bagdad Café
L'inconsistenza dei vani gesti
Ladro di essenze
Non era poi così importante
Notturni pensieri restii alla forte luce
Per raccogliere frammenti di te
Nel candore di un cuore tanto grande
Oggi non so più scrivere "Vita"
Con le ombre ballo
La sacralità dei luoghi amati
Con la luce del tuo beato amore
Granello in clessidra
La forza del sorriso
Affamati sogni
Malinconia dei perduti giorni
L'ombra lunga del cuor
Libero per tutti
Affetti squarciati
Candida follia
Giorni di pietra
Rimpianto e gioia
Stringo la voglia, la nostalgia e l'incoscienza
La gioia del momento
Perché la bellezza finisce?
Il calice e l’astrazione
Emozioni come fiori sui prati verdi del paradiso
La vita è un attimo disperso nell'eternità
Proiezione del mio io
Negligenze esistenziali
Credici ancora uomo... (nello stupor delle intenzioni)
Alte dune in balìa del vento
Il fiato dolce delle colline (Love is a good thing)
Casa dei perduti incanti
Beata terra che lontan più non appariva
Mi fermerò dove la sera canta
Il pensiero dell'istante
Odio ballar con i ricordi tristi
Non si giustifica il tempo d'una carezza
Sfregi testimoni
Eroe nel privato esistere
Nella penombra assopita dei desideri
Aspiranti dell'immenso
Regalami un pensiero
Alte stelle in mezzo al verde
Sulla strada di giorni perpetui
Risalire quella collina
Nell'ascoltar del vento parole rubate al mondo
Giardini dagli esuli fiori
Come un messia di un Dio assai privato e vigile
Non ho sguardo sul passato fermo in nebbie di disprezzo
Vaganti fantasmi son le parole
Rapidi pensieri figli del vento
Nessun fiore nasce dal male più oscuro e radicato
La felicità non salva tant'è misera e passeggera
Eppur ladro mi chiamasti (quel che l'amina cela, solo l'arte svela)
Solo un giorno d'inebriante normalità
Ma ora riposa e l'arma abbandona
L'ultimo soldo ebbi speso
Vivo in una casa verticale
Volevo essere un uomo con la barba
D'infinito lei si veste
Nel mistero d'un miracolo
Nel luogo sbagliato di un tempo violento
Poeta io non sono, nemmeno uno scrittore
Ero e sarò scontento del sono
Anime cadute dentro vortici di spine
Consumati sentieri dai rapidi sogni
Amor e amori
Troppo vasto il materno bene
Come neve senza candore
Sentir l'amor qual sano desiderio del cuor
Porzioni di ricordi e mille magie antiche
Verso l'isola del regno eterno
Del cuor mio viaggiatore nell'umano scrutare
Ricordare il bene come antica virtù
Simbologia degli incastri delle opportunità
Forza che accanto a me cammini
La luce è l'arrivo per anime inquiete
Nel principio cosmico dell'Alleluia
Immaterialità del vivere astratto
Nelle intenzioni degli umani gesti
Fiume color rosso trafitto
Terrena la coscienza oppure ariosa essenza
Variabili altitudini
Metamorfiche geometrie escheriane
Nell'alveo del desiderio oscuro
Artefici di miraggi in gelidi tormenti
In mezzo a nebbie per nulla fatate
Scivolose sporgenze dell'anima
Unione fisica e chimica dei sentimenti
Nel tempio del sapere
Dell'amor più puro
Nell'inconsistenza d'un ispirato affanno
In una notte alla fine del buio
Le intenzioni del vivere
Eppur non m'accontento dei baci che m'hai dato
Spettro di calamitosi istanti
Anime rinate in giovani corpi scolpiti
Trofei di glorie e assopite chimere
Amor era l'origine e del destino meta
Chi dei limiti è ignaro e beato
Pensieri rigati di amore impuro
Fino all'anima ancora inquieta
Cadere in mezzo a spezzate emozioni
La consuetudine dei gesti adottati
Idee piantate come Katane
Cavalier senz'armi dalla lunga meta
Orchidee di rapida e vana bellezza
Umane e disturbate afflizioni
Oscurate scie in limitati spazi
A questo serve il tempo rubato
Nell'inerzia di un abbandono
Radicata universalità
Suonar le dolci note
Arcobalenici abbracci in voluttuosi istanti
Caldo amor quello che l'oscur ci priva
Regno dalle scure pieghe
Aver fiducia in ispirati versi
Trasformate vie terrene
Metafore negli incavati simboli
Esoterismo numerico del dolore
Spiragli di vita in apnea
Pagine d'immortal memoria
Elevati altari
Defilate visioni
Artigli graffianti
Serpenti custodi
Congiunzione di corpi attratti
Nebbie di odio
Tentatrice sirena
Esitante tramonto
Bracieri penitenti
Eden ispirato
Trasparenza dell'addio
Profetica Cassandra
Astruso nutrimento
Immateriale tocco
Vaste pianure
Atto d'amore
Predestinate onde
Giochi superflui
Pistillo mutilato
Smeraldino luccichio
Prati innocenti
Senza quiete e senza redenzione
Ore e giorni
L'odore del sangue
Uniti
Percorsi
Abbraccio scaduto
Adagio
In viaggio sul tuo viso
Tempo obliquo
Vento di ricordi
Pioggia d'agosto
In te
Preda
Le ombre del tempo
Because the night
Giglio
Pioggia
Statua
Alla deriva
Dammi la mano
Come foglie al vento
In battaglia
Superficie
Combattente
Eterno mattino
Non dalla terra ma per la terra
Anima
Sole e cuore
Follia
Chiaro di Luna

Tutte le poesie

Premio Scrivere 2016
Malinconia dei perduti giorni L’Anno Santo della Misericordia (Spirituale) (Spirituale)
L'ombra lunga del cuor La poesia e il Poeta (Impressioni)
Spirito che la vita culla La Terra, culla della vita (Natura)
Vittoria sempre canterà Poesia a tema libero
Premio Scrivere 2015
Variabili altitudini Oltre le distanze (Amore)
Fiume color rosso trafitto Sete di giustizia (Sociale)
Metamorfiche geometrie escheriane Poesia a tema libero

Pagu
 I suoi 35 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Come una foglia al vento (Lettera a Babbo Natale) (28/12/2013)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Vi auguro una lunga vita (29/03/2015)

Una proposta:
 
La prima domenica del mese (11/01/2015)

Il racconto più letto:
 
Claire, Adam e... io (23/01/2014, 5773 letture)


 Le poesie di Pagu


Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it